Cluster Geografico Apache2+php+mysql+dns round robin

Per il sito www.visurati.it ho sperimentato un nuovo cluster geografico.

Ho un server Ubuntu 20.4 in cloud AWS in Ohio U.S.A. ed un server Ubuntu 20.4 in Italia Bergamo.

Ho un IpV4 pubblico in Ohio, un IpV4 a Bergamo ed un IpV6 sempre a Bergamo. 


Ho attivato il dns round robin sui 2 IpV4 ed attestato l'IpV6 sul dominio visurati.it
I file sorgente e compilati dell'applicazione web visurati.it ed il "quorum" del Cluster geografico sono Offline e quindi inattaccabili.

Con un DFS Distributed File System Open Source differenziale ed unidirezionale, dall'headquarter verso i nodi geografici vengono aggiornati i certificati, file compilati e tutto quello che viene modificato in tempo reale dal server headquarter.




Con questo sistema è possibile:

1 distribuire il carico su infini server in cloud o housing.

2 avere infiniti server geografici (nodi) anche con hardware ed O.S. diversi.

3 in caso di attacchi andati a buon fine, con due click, è possibile "ritirare su" il nodo geografico bucato in pochi minuti con l'applicazione web in pancia.

4 non si lega la propria tecnologia ed i propri dati ad un provider: è possibile cambiare i nodi geografici con qualsiasi fornitore di server, di qualsiasi tipo ed in qualsiasi città del mondo.

5 avere sicurezza totale, perchè tutto parte dal nodo quorum offline.

I costi sono del 95% in meno rispetto ai costi normali di un fault tolerance geografico scalabile ed elastico con bilanciatori, vlan geografiche e tutto quello necessario per far funzionare geograficamente un app web.

Insomma, solo infiniti vantaggi e costi azzerati!






Commenti

Post popolari in questo blog

Ubuntu Server 20.xx | Abilitare SSH-RSA con PuTTy | Video

Homo Digitalis o Feudalesimo Digitale?